Warning: Illegal offset type in /web/htdocs/www.lucianabaldrighi.it/home/blog/wp-includes/class-wp-widget-factory.php on line 57
CLINT. IL SENTIMENTALE DAGLI OCCHI DI GHIACCIO.90 ANNI DI UN GENIO DEL CINEMA - Il blog di Luciana Baldrighi

CLINT. IL SENTIMENTALE DAGLI OCCHI DI GHIACCIO.90 ANNI DI UN GENIO DEL CINEMA

Cari amici, riporto con piacere un articolo-intervista pubblicata su  BARBADILLO. La bella intervista a Maurizio Cabona, esperto di cinema, collega che stimo e ammiro da anni. Abbiamo lavorato anche insieme e di festival, da Cannes a Venezia ne abbiamo visti. L’intervista è di Michele De Feudis.


Clin Eastwoo Clint Eastwood compie 90 anni il 31 maggio (è nato il 1930 a San Francisco). Ha percorso nei suoi film i sentieri del West e le strade altrettanto violente delle metropoli di un secolo dopo. Nato in California, musicista prima che attore e regista, Eastwood è stato capace di raccontare nei suoi film l’umiliazione degli Stati americani del Sud nella guerra civile come di evocare un grande jazzista afroamericano, Charlie Parker; di far sue, accanto a Morgan Freeman, le ragioni dei bianchi poveri in Million Dollar Baby e quelle dei giapponesi vinti nel 1945 in Lettere da Iwo Jima. Ma l’inizio cinematografico, seguito a quello televisivo negli Stati Uniti, è stato tra Roma e l’Almeria, con un regista italiano allora anche più sconosciuto di lui, Sergio Leone. Ne parliamo con Maurizio Cabona, critico de Il Messaggero. 

Maurizio Cabona, la prima qualità di Clint Eastwood è…?

… Aver imparato, recitando, a filtrare se stesso nei suoi personaggi; e aver reso mainstream film insoliti. Se ha interpretato vari film seriali, come regista ha saputo scegliere e cambiare gli sceneggiatori”. 

C’è qualcuno nel cinema professionalmente longevo come Eastwood?

“C’è Leni Riefenstahl che lo è stata di più. Ha recitato, danzato, filmato per otto decenni, cominciando col cinema muto fino a dirigere classici come Il trionfo della volontà e Olympia, quest’ultimo premiato alla Mostra di Venezia del 1938. E non è poi stata dimenticata, se la travagliata lavorazione di Tiefland, tra 1942 e 1954 è raccontata nella Nina dei tuoi sogni di Fernando Trueba nel 1999. La Riefenstahl, nata nel 1902, ha fatto a tempo a vederlo! E poi ha girato ancora Un sogno d’Africa (2003)”.


La vendetta del mostro, con un giovanissimo Eastwood

Allora a 90 anni Eastwood non ha ancora il primato. Ma come è cominciata la sua carriera?

“Grazie a un commilitone nell’aeronautica, David Janssen, che, diventato attore, lo presenta a Hollywood. Poi il regista Jack Arnold lo dirige in piccoli ruoli nella Vendetta del mostro (1954) e in Tarantola (1955). Protagonista, Eastwood lo diventa con le 206 puntate dal ’56 al ‘66 della serie tv della Cbs, Rawhide, giunta in Italia come Gli uomini della prateria solo quando Eastwood era ormai famoso”.

Eastwood però arriva prima e gira tra Roma e l’Almeria Per un pugno di dollari.

“Nel 1964. Sergio Leone, che gli avrebbe preferito James Coburn o Charles Bronson. Troppo cari, però”.

E Leone s’accontenta di Eastwood

“Il loro sodalizio per la trilogia del dollaro ha questo vizio d’origine”.

Presto a Roma circola una battuta negli ambienti del cinema…

“… ‘Clint ha due espressioni, col cappello o senza’. Questa arguzia Leone poteva risparmiarsela: un attore recita male (anche) perché il regista dirige male”. 

Eppure i loro film sono successi mondiali. 

“Certo. Ma ogni volta Leone affianca a Eastwood comprimari che stima più di lui. Alla quarta volta, Eastwood dice ‘basta’. Ormai è famoso e può scegliere. Torna negli Stati Uniti per girare Impiccalo più in alto di Ted Post, mentre Leone gira, finalmente con Bronson, in Almeria C’era una volta il West“.

Lei ha incontrato Eastwood nei grandi festival. Come lo ricorda?

“La sua falcata di uomo di quasi due metri è simile a quella di Henry Fonda. Sa anche suonare e cantare. E sa dimenticare i torti subiti e ricordare i doni ricevuti, se ha dedicato a ‘Sergio [Leone] e Don [Siegel]’ Gli spietati (1992)”. 

Da tempo Eastwood sceglie i suoi personaggi. Gli somigliano?  

“Non tutti e non del tutto, ma nessuno di loro gli dispiace. E ha saputo staccarsi dal pistolero senza nome degli albori cinematografici”. 


Per un pugno di dollari di Sergio Leone

Quando ha visto il primo film con Eastwood?

“Nel 1964, Per un pugno di dollari. Uscì direttamente in seconda visione, ma i buoni incassi lo fecero rimbalzare in prima visione. Quasi nessuno si accorse che Leone aveva rifatto, senza dirlo, La sfida del samurai di Akira Kurosawa. Per il regista giapponese, il plagio di Leone fu una fortuna: divenne ricco col risarcimento che la produzione italo-spagnola-tedesca”.  

Ci sono film di Eastwood sottovalutati?

Brivido nella notte; Breezy; Honkitonk Man; Bronco Billy; Gunny”. 

E ci sono film di Eastwood non riusciti?

Firefox; Cacciatore bianco, cuore nero; Un mondo perfetto; Mezzanotte nel giardino del bene e del male; Space Cowboys; 15:17 Attacco al treno”.  

Ha un aneddoto personale su di lui?

“Alla conferenza stampa di Cannes nel 2008, un giornalista in età gli obietta che, in Changeling, Angelina Jolie accenda la radio e subito si senta la musica (ci voleva un minuto perché le valvole di un apparecchio si scaldassero). Un altro regista avrebbe alzato le spalle, invece Eastwood replica: ‘Per età lei e io lo ricordiamo, ma gli altri non avrebbero capito. Per non rallentare il ritmo del film, mi sono preso questa libertà. Ma ha ragione lei’”.     

Eastwood esprime un patriottismo ormai raro nel cinema, misurato ed esente (a volte) da retorica.

“Talora ha ecceduto con l’enfasi, come in Firefox. Ma ha imparato dagli errori. American Sniper pare inizialmente patriottardo, ma il peggior nemico di un reduce americano dall’Irak si rivela un altro reduce”. 

Politicamente lo definirebbe…

“… Un conservatore intelligente. Ma soprattutto un diplomatico di complemento”.

Perché?

“Perché con Lettere da Iwo Jima ha chiuso – per parte sua – la guerra col Giappone. E con Gran Torino ha chiuso – per parte sua – la guerra di Corea. Milioni di giapponesi e di coreani hanno visto questi film così rispettosi del loro ieri e del loro oggi”.  

Eastwood è un revisionista?

Il texano dagli occhi di ghiaccio è un film revisionista sulla fine della guerra civile americana nel 1865. Lettera da Ivo Jima è più che un film revisionista: è un film dalla parte dei giapponesi nella guerra perduta contro  gli americani nel 1945”.  

Autonomia e indipendenza delle produzioni di Eastwood sono così rare.

“Tuttora lui gira film per il cinema in sala, quando Woody Allen (1935) e Steven Spielberg (1947) hanno ripiegato sull’online, almeno per il mercato che più conta, quello americano. Il suo Richard Jewell, film senza divi, è costato poco e ha incassato tanto”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando la navigazione su questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo blog utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo blog senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" si permette il loro utilizzo.
Per ulteriori informazioni consulta la cookie policy

Chiudi

Privacy Policy
Cookie Policy