Archivio Mensile : maggio 2018

UNA MOSTRA FOTOGRAFICA DI BOB KRIEGER RIPERCORRE LA STORIA CON I VOLTI CHE HANNO SEGNATO I NOSTRI TEMPI AL SERRONE DELLA VILLA REALE DI MONZA

Da più di mezzo secolo Bob Krieger racconta una particolare geografia dell’anima italiana attraverso i suoi volti e i suoi nomi più rappresentativi, dalla A di Gianni Agnelli e famiglia alla Z di Franco Zeffirelli. Ciò che lo ha sempre guidato in questa ricerca sono gli sguardi, che la sua macchina fotografica svela anche ai

GRAN GALA’ DA MILLE E UNA NOTTE AL PRINCIPE DI SAVOIA A MILANO DELLA FONDAZIONE ASM. MARINELLA DI CAPUA REGINA DELLE CHARITY

Piu’ di 400 persone, un vero boom, grazie alle amicizie e ai contati di Marinella e Umberto di Capua con grandi aziende come sponsor e tante famiglie generose di imprenditori, politici.  Mrinella ricorda subito  la doverosa rinascita delle zone terremotate del Centro Italia per poi passare all’assistenza per la nascita dei bambini nei luoghi di origine,

QUALCHE CONSIDERAZIONE SU QUESTA EDIZIONE DI CANNES N.17…E TANTO IL CONFRONTO INEVITABILE CON IL PASSATO. QUALCHE SUCCESSO PER GLI ITALIANI

  Le luci iniziano a spegnersi sul carpert rouge dell’orribile ecomostro del Palazzo del Cinema di Cannes che poggia sul mare. Tirate le somme, e dato conto dei vincitori, che cosa resta d questa settantunesima edizione del Festival? Quale le emozioni? Quale è il cambiamento di fare cinema? Quali sono i temi piu’ battuti e

PALMA D’ORO AL GIAPPONESE. ECCO LE NOVITA’ DEL GIORNO QUI A CANNES. PREMIO AL MIGLIORE ATTORE….DA MARCELLO FONTE DI MATTEO GARRONE A PANHAI DEL FILM DELLA ROHRWACHER….

Mentre attrice denuncia Besson per molestie…. al via nel frattempo ai Premi per i migliori attori. Il film da Lazzaro Felice”, molto apprezzato fino a..? Ora annuncio tutto a tarda sera dopo aver fatto code per giorni dietro transenne di ferro con un mal di schiena, ascoltato conferenze stampa, scritto, visto centinaia di film, molti

GUERRE STELLARI DEL TERZO TIPO. BOTTI E MASCHERATA DURANTE LA PROIEZIONE E SUL CARPET. QUI A CANNES CI SONO ANCHE GLI SHOW

Ne è passato di tempo dalla prima edizione di Guerre Stellari…ma questo butta addirittura sul ridicolo. Più che un film è un flipper. Il Millennium Falcon, l’astronave spaziale ai cui comandi c’è il giovane Han Solo (Alden Ehrenreich) schizza come una pallina lungo tutti i bordi dello schermo che fanno da contorno alla galassia di

MATTEO GARRONE E LA CRONACA NERA ROMANA DEGLI ANNI OTTANTA..Vi RICORDATE DELLA BANDA DEGLIA MAGLIANA? BRUTTE STORIE…DA CANNE IN ATTESA CHE SI DIANO I PALMARES

Ora vi racconto due film. Il primo alquanto strano come ci si aspetta dal regista Garrone e l’altro un po’ da interpretare. Vediamo se la pensate come me. Potrebbe anche strattarsi della stessa cosa…Ispirato a un celebre fatto di cronaca nera della Roma anni Ottanta, Dogman, di Matteo Garrone, domani in concorso, racconta la storia

WHITNEY HUSTON FIN DA BAMBINA AVEVA UNA VOCE D’ANGELO. POI LA STORIA E’ FINITA MALE. DA CANNES CON AMORE

Strano questo documentario fuori concorso….. La sua voce era un dono del Signore, le aveva detto la madre, e per una che aveva cominciato a cantare nel coro della Chiesa voleva dire tante cose: una benedizione e una vocazione, un talento e una missione…Era bella sin da bambina Whitney Huston, la luminosità del sorriso e

DON A CANNES STA PER DON CHISCIOTTE. CHE DIREBBE IL SUO CREATORE MIGUEL de CERVANTES

I Festival di Caannes sta per concludersi….Nel fraattempo vi racconto per voce mia e di amici il film “Don”- Essere Don Chisciotte ha in sé qualcosa di nobilmente tragico e di tragicamente ridicolo, come ben sapeva il suo creatore, Miguel de Cervantes. Pensare, da regista, di portare quel personaggio sullo schermo rischia di aggiungervi un

ANTONIO PARADISO CON “UN ANNO A VENEZIA” ALLA GALLERIA PONTE ROSSO DI BRERA A MILANO FINO AL 16 GIUGNO

Conosco la Galleria Ponte Rosso di Via Brera dal 1973-74, praticamente dalla sua esistenza. C’era il signor Consonni e sua moglie e ora il figlio Alessandro. Ne sono passate di stagioni. Brera era un fervore unico sotto il profilo culturale e d’estate si andava con la signora Nanda a trovare i pittori da Romano a

LA STORIA DI VICTOR TSOI INCANTA CON L’ESTATE E LA STORIA DEL ROCK IN URSS E FACCIA D’ANGELO VIENE SALVATO DALLA COTTILLARD. GRANDE LA RUSSIA DI SEREBBRENIKOV

Marion Cotillard fa reggere questo fim. Non ci sono dubbi. E’ lei l’interprete nella parte di Marlene. Come è “Faccia d’angelo”?  E’ come la mamma chiama Lilli, la sua bambina. L’ha avuta, Marlene, da un rapporto finito male, e che ha creato problemi con gli assistenti sociali perché lei beve troppo, fuma troppo, “draga” troppo,

Continuando la navigazione su questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo blog utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo blog senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" si permette il loro utilizzo.
Per ulteriori informazioni consulta la cookie policy

Chiudi

Privacy Policy
Cookie Policy