PARIGI BRUCIA. NOTRE DAME IN FIAMME DURANTE I LAVORI DI RESTAURO

Nostre Dame in fiamme214813447-21121064-22e5-4eeb-8d02-8574ba386eb9La Cattedrale di Nostre Dame de Paris sull’Ile de la Citè brucia. Piu’ di 400 pompieri stanno cercando di spegnere un incendio divampato oggi (ieri sera verso le 18.30) sorta tra i primi insediamenti abitativi della capitale francese. Fonti governative e il Priore stesso complesso religioso, il piu’ visitato nel mondo dicono che andrà perduta per sempre. “Liberation” titola: “Notre Drame”. Proprio a causa dei lavori di restauri, iniziati con la rimozione delle statue principali esterne.  Di Stile gotico ultimata nel IV° secolo, la Cattedrale simbolo della città e patrimonio dell’Unesco: ci vorranno anni, decenni perché possa essere ricostruita e naturalmente non come era nella sua originalità. E’ la Francia che brucia e dopo le battaglie dei Gillet gialli, sembra essere una persecuzione: non sono bastate le scorribande del terrorismo.

Le statue in bronzo che decorando il tetto, rappresentanti i 12 apostoli, sono state salvate, ma è determinante l’ultima ora e mezza dei vigili del fuoco. Come è possibile che sia scattato un incendio nei cantieri ? Perché le imprese non si servono degli impianti interni ma si servono di generatori e allarmi che non devono interferire con i circuiti elettrici interni, eppure un cortocircuito è avvenuto. Gli ultimi minuti sono cruciali.

Il 12 aprile le statue da restaurare sono in un cantiere per tornare sul tetto di Notre Dame nel 2021, statue rifatte su studio nel 1860 di Eugène Viollet Le Duc, l’architetto che piu’ di tutti si è occupato si salvare e restaurare grandi monumenti parigini. Il resto della Basilica è fatta di stratificazioni, dal mille e dalle prime pietre romane tutto è frutto di studi e restauri accurati. Le mura sono di proprietà dello Stato. Papa Francesco ha dichiarato; ”Abbiamo perso un altro simbolo della cristianità”. Ferite che potrebbero unire la politica francese e parte del mondo. Simbolo Notre Dame in fiamme 15 aprile 2019AFP_1FO257universale, scrigno della cultura mondiale scampata dai tedeschi durante la seconda Guerra Mondiale. Dopo il rosone centrale sulla facciata avvolto dalle fiamme si sono visti pompieri tre ore dopo camminare con torce, si cerca di salvare opere all’interno e l’utilizzo di cisterne aeree sarebbe stato pericoloso per il peso e i materiali che contiene l’acqua gettata da questi. Vedremo cio’ che resta. Forse sono stati salvati i due campanili mentre si continua il raffreddamento. Tutto è avvenuto in tante capitali Europee. Questo 15 aprile si puo’ dire sia l’11 settembre di New York. Eretta da maestranze di mezza Europa ormai dal tetto alle capriate in legno di quercia. A cedere per prima la Guglia centrale e il lato destro rispetto alla facciate dove si trovano le torri campanarie.  Victor Hugo si ispiro’ a questo monumento per scrivere “Notre Dame de Paris”. Si batte’ per la sua ricostruzione ….  Legno di quercia nel sottotetto e l’aria che entrava dagli soffitti e dai merli, ma ricordiamoci che parliamo di un neogotico e non di un gotico puro. Puo’ essere bastato un cellulare messo sul silenzioso e le scintille …La Cattedrale della Grandeure e’ la seconda Chiesa piu’ visitata al mondo dopo San Pietro. “Notre Dame fa parte del paesaggio, non puo’ scomparire..” scriveva Victor Hugo- Sta quasi crollando la gran de campana e il campanile nord sta cedendo. Ci vorranno anni e anni, forse i figli dei nostri figli a mezza età riusciranno a vedere  la copia della Cattedrale. Lo sgomento mondiale. Corrado Augias ricorda che già durante la Rivoluzione francese e dalla Comune. Mura reinvetate piu’ volte. Anche la ABSIDE NOTRE DAMEdownloadGuglia centrale era ottocentesca,  (Jacques Le Goff, il piu’ grande studioso di arte medioevale sarebbe morto con essa). In particolare tutte le televisioni americane sono sintonizzate su questo. Simboli di Paesi che si spezzano. Sarà lutto per tutti quelli che credono nei valori della civiltà e della cultura. Il presidente Macron non ha ancora fatto il discorso delle 20 della sera. Opere considerevoli sono state salvate verso l’abside della bella chiesa circondata da due canali delle Senna che ha fatto da sfondo a film tutte le generazioni.

La struttura antica e specie il tetto e le campate in legno di quercia subito non hanno retto. Come mai non hanno funzionato sistemi di allarmi e antincendio efficaci? Attoniti e impotenti francesi e turisti.

ShareShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on RedditShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando la navigazione su questo blog, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo blog utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo blog senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" si permette il loro utilizzo.
Per ulteriori informazioni consulta la cookie policy

Chiudi

Privacy Policy
Cookie Policy